Questo sito utilizza i cookie per offrire un servizio migliore ai propri utenti.

itenfrdejasv

Mugello bollente

  • Letto 47 volte
  • Print Friendly and PDF
In evidenza Mugello bollente
Vota questo articolo
(1 Vota)

Il terzo round del campionato italiano velocità classe 300 super sport si ricorderà a lungo per molti fattori. In primis la partecipazione di molti piloti iscritti stabilmente al mondiale di classe ha dato lustro alla classe più competitiva del circus italiano. 42 piloti hanno passato le prove di qualificazione racchiusi in poco più di tre secondi. L’accesso alla top 15 è stato un traguardo quasi impossibile per molti. A completare un quadro già complesso è stato il clima torrido che già dalle prove libere del giovedì ha reso complicato il lavoro ai box per raggiungere il setting ideale.

Samuele Marino #45, arrivato al Mugello convalescente per l’incidente subito nel giro di rientro di gara2 di Vallelunga, torna a casa con la nona posizione in campionato. Un giovedì di libere reso complicato da una scivolata ha compromesso la ricerca del setting fino a gara1. Ma con le risorse che ben conosciamo, il forte siciliano è riuscito a strappare la P13 proprio nel finale. Nel warm up prova un setting conservativo che lo convince e che impiega in gara2. Una P14 dolce/amara per lui e la consolazione di aver fatto registrare il suo best lap con 2.06.810.

Manuel Bastianelli #7, al Mugello avrebbe potuto/dovuto esprimere tutto il suo potenziale. Il due volte campione italiano, ha evidentemente sottovalutato la crescita degli avversari. Una buona P9 per lui in gara1 fa ben sperare per una crescita nel successivo start.  Con una repentina scelta della frizione a favore della Stm, in effetti Manuel sembra aver trovato la quadra per i suoi problemi di freno motore ed inserimento in curva. Un’ulteriore messa a punto tra warm up e gara2 avrebbe dovuto concedere quella fiducia sull’anteriore tanto agognata dal campione romano. In gara2 arriva finalmente il setting ideale sulla sua Kawasaki ma non il feeling per sfruttarlo a dovere. Subisce numerosi attacchi chiudendo a ridosso della top15.

Edoardo Savioli #27, porta in casa una grande esperienza. Le tante battaglie in pista già dalle prove ufficiali e il benevolo battistrada dettato dal Bastianelli lo hanno forgiato uscendo da questo round con uno spessore da vero professionista. Il suo best lap personale 2.07.110 e il passo di gara sono da incorniciare come pure la condotta nel box. Tanta umiltà operativa premiata da un’ottima P18 nelle qualifiche e P19 (gara1) e P22 (gara2).

Il prossimo appuntamento vedrà la partecipazione della squadra E&E AcademyGP alla Dunlop Cup con Francesco Moretti e Antonella De Santis sul circuito di Modena il 9-10 luglio 2022.