Questo sito utilizza i cookie per offrire un servizio migliore ai propri utenti.

itenfrdejasv

Vallelunga: bene Basso, Hosciuc chiude male

Buono l’esordio di Basso in sella alla Racetech, Hosciuc chiude male una stagione importante.

Jacopo Hosciuc, voleva chiudere la stagione in bellezza. In vista della convocazione della Red Bull Rokies Cup 2020, il tredicenne è approdato a Vallelunga con l’obiettivo di portare a casa la prima vittoria dopo i numerosi podi incassati durante la stagione. Senza obblighi di classifica, Hosciuc ha “aiutato” il neo campione italiano della Premoto3, Luca Lunetta, battagliando in gara1 con il diretto inseguitore Filippo Bianchi. Un confronto durato per tutta la gara che ha visto prevalere Bianchi su Hosciuc rispettivamente in quarta e quinta posizione.

In gara2 Hosciuc scattato dalla quarta casella dello schieramento, in breve si porta a ridosso del duo di testa composto da Farioli e Bianchi. Il trio si compatta ma all’inizio della quarta tornata Hosciuc viene rallentato dal mal funzionamento dell’impianto elettrico. La sua corsa continua purtroppo a fasi alterne ma con grande sportività taglia il traguardo in sedicesima posizione. Il campionato lo ha visto tra i grandi protagonisti ed in effetti la quinta posizione finale gli va un po’ stretta.

Buono il percorso intrapreso da Cristian Basso. Il tredicenne romano, in forza alla selezione “Talenti Azzurri” ha mostrato carattere e intraprendenza. La gara di Vallelunga preventivata come banco prova ha sdoganato Basso per l’ingresso ufficiale in AcademyGP 2020. Ci sono alcuni dettagli da mettere a punto con la famiglia e il gruppo dei “Talenti Azzurri” ma sportivamente il ragazzo ha già dimostrato di poter stare con i più bravi della categoria.

Fin dalle prove libere del giovedì antecedente la gara, Basso si è trovato bene con l’assetto. “La moto è molto reattiva e la sento molto agile nei cambi di direzione” queste le sue prime dichiarazioni a caldo. “In questo team mi trovo bene, sono molto motivato e grazie ai miei genitori spero di poter firmare l’accordo in fretta. La squadra è romana e soprattutto con il manager Marchetti posso vedermi spesso anche fuori dalle giornate di gara”.

La settimana del 14 ottobre, Jacopo Hosciuc e Cristian Basso si trasferiranno in Spagna per affrontare l’impegno della selezione per l’accesso alla Red Bull Rookies Cup 2020. Il plotone romano sarà completato da Luca Lunetta e Gabriele Mastroluca.

  • Pubblicato in PreMoto3

Mugello dolce-amaro per Hosciuc

Round 5 dolce amaro per la squadra AcademyGP e Jacopo Hosciuc. La giornata dedicata alle prove libere, giovedì 19 settembre, ha inaugurato il fine settimana tutto in salita della compagine romana. Il primo turno tutto sommato è filato liscio anche con condizioni di grip poco favorevoli. I successivi due turni sono stati vanificati da un contatto elettrico che mandava in blocco la bobina di accensione motore.

La prova libera cronometrata del venerdì ha messo in evidenza l’ottimo feeling di Hosciuc con la nuova ciclistica, suo il terzo crono a 1,2s dal capofila Lunetta. La prima prova ufficiale disputata nel pomeriggio ha confermato sul podio virtuale la presenza di Hosciuc al terzo posto con il crono di 2.05.92 con un ritardo dal capofila di 0,660s.

L’ultima prova ufficiale iniziata alle ore 9.30 del sabato ha visto alternarsi al vertice almeno sei piloti. La spunta Filippo Farioli con il crono di 2.05.02 con Hosciuc che conquista la quarta casella dello schieramento con un ritardo di appena 0,263s.

Gara1 iniziata alle 16.00 ha visto protagonista una serratissima lotta al vertice. Hosciuc nel corso della prima tornata perde terreno fino a transitare ottavo al primo passaggio. Tra il secondo e il terzo giro recupera sei posizioni fino a raggiungere il capofila Christian Lolli. Per oltre sette delle dodici tornate il duello ravvicinato tra i due tredicenni sembra far pensare ad un finale a due. Ma evidentemente il loro duello ha permesso agli inseguitori capitanati da Cangelosi di guadagnare terreno e prendere la scia sul lungo rettilineo che porta al traguardo. Finale trilling con sei piloti a contendersi le scie che vede Cangelosi tagliare per primo il traguardo. Hosciuc con un ritardo di appena 0,200s transita in quinta posizione.

Le previsioni meteo vengono confermate dalla pioggia copiosa caduta dalla notte fino a metà della mattina della domenica. Il warm up viene effettuato in condizioni di pista bagnata e l’alfiere della AcademyGP  si è trovato subito bene con il particolare grip.

Gara2 prevista per le 17.00 subisce un ritardo nello start dovuto allo stop forzato della gara precedente. Alle 18.00 lo start dell’ultima gara in programma, la Premoto3.

Il primo pomeriggio ha visto un tiepido sole che seppur lentamente stava asciugando il nastro di asfalto del Mugello. Ma proprio in vista della gara riservata alle quarto di litro un rovescio la bagnava nuovamente costringendo tutti i piloti al montaggio delle coperture rain.

Allo spegnersi del semaforo Hosciuc scatta discretamente, il primo passaggio lo vede transitare in terza posizione. Nel corso del secondo giro perde terreno fino alla dodicesima piazza per poi nel successivo passaggio ritirarsi per il cattivo funzionamento del sensore del Tps.

Due dei tre zeri della classifica di Jacopo Hosciuc sono dovuti a problemi derivanti da problemi elettrici del cablaggio originale Yamaha fornito come kit e approvato dalla Fmi, un cablaggio progettato per le moto da motocross.  Questo tipo di problema rilevato da diversi team sta minando la fiducia nel fornitore e soprattutto le aspettative di piloti, genitori e squadre.  Auspichiamo un intervento decisivo da parte degli organi competenti per far si che delle belle gare non vengano rovinate da decisioni superficiali e inadeguate.    

Il prossimo appuntamento sarà il round finale del campionato e avrà luogo sul circuito Vallelunga di Campagnano di Roma nel fine settimana del 6 ottobre 2019.

Ro.Ma.

  CLASSIFICA ANALISI TEMPI
R1 icona pdf icona pdf
R2 icona pdf icona pdf
     

CLASSIFICA CAMPIONATO

CLASSIFICA COSTRUTTORI

  • Pubblicato in PreMoto3

Doppio zero per Hosciuc

Il fine settimana del 30 giugno 2019 ha segnato in modo indelebile il percorso di Jacopo Hosciuc. Il tredicenne è stato protagonista di alcune disavventure di natura tecnica ma anche sportiva.

Il round di Imola si è articolato, a differenza delle tappe precedenti, partendo venerdì 28 con l’unica prova libera cronometrata. Hosciuc in evidente stato di deconcentrazione non è stato in grado di raggiungere il passo del gruppo di testa attestando il distacco dal vertice in circa 3,5 secondi. Anche per la prima delle qualifiche ufficiali la situazione non è cambiata.

Con la seconda prova ufficiale è cambiato qualcosa ed in effetti il crono migliore è stato di 2.07.58 portandosi a circa 2,5 secondi dal buon tempo di Filippo Farioli (secondo crono) punto di riferimento più umano. Si, perchè il best lap record di Luca Lunetta (poleman) sembra venire da un altro pianeta (2.03.68).

Gara1 disputata nel pomeriggio di sabato 29, ha sancito la prima e speriamo unica defaillance tecnica della squadra AcademyGP. Allo start un problema di natura elettrica ha indotto al ritiro Hosciuc. Il connettore della centralina di controllo motore, sollecitato dal calore emanato dal motore, non permetteva il corretto funzionamento.

Un buon warm up al mattino di domenica 30 giugno fa sperare per una prestazione di rilievo in gara2.

Alle 16.25 si spegne il semaforo rosso e per Jacopo Hosciuc comincia un’ottima rimonta. Partendo dalla nona casella in breve si accoda al gruppo di testa composto da Lunetta, Farioli, Bianchi, Margherito, Cangelosi e Lolli. Un passo molto buono che si attesta tra il 2.06.00 e 2.07.00 nonostante gli inevitabili sorpassi e contro sorpassi. Ma come spesso succede in questi casi, ossia arrivare alla gara senza aver sistemato la ciclistica per un passo più veloce, si rischia di compromettere la gara e il campionato. In effetti nel corso dell’undicesimo giro, Hosciuc è arrivato ad attaccare la terza piazza di Farioli con una staccata molto profonda alla curva della Tosa. Ma la sua corsa è finita nella ghiaia della via di fuga.

Si torna a casa concentrandosi sul prossimo round di Misano Adriatico previsto per il fine settimana del 28 luglio 2019. L’attuale classifica vede Jacopo Hosciuc in quinta piazza.

Per gli appassionati internauti le gare possono essere riviste integralmente sul sito www.elevensports.it.

Ro.Ma.

  CLASSIFICA GARA PILOTI COSTRUTTORI
GARA 1 icona pdf icona pdf icona pdf
GARA 2 icona pdf icona pdf  icona pdf

Hosciuc conferma il podio

Gara2 disputata nel pomeriggio di domenica 31 marzo ha visto la conferma di Jacopo Hosciuc sul terzo gradino del podio.
La prova della bontà dell'azione propedeutica del 2 tempi viene dal podio di oggi. Luca Lunetta, campione in carica della MiniGp50, Filippo Bianchi e Hosciuc, rispettivamente campione e vice campione della Premoto3 125 2t. 

Gara da incorniciare di Jacopo Hosciuc: il tredicenne ha capitanato il gruppetto degli inseguitori di Lunetta per tutte le 14 tornate. Gli attacchi da parte di Farioli (nìpote del grande Arnaldo), Cangelosi (finito poi out), Baiamonte, Max Toth, Filippo Bianchi  e Manuel Margarito hanno reso entusiasmante la gara nonostante la fuga di Luca Lunetta.
 
Hosciuc alla seconda tornata ha registrato il best lap personale in 1.49.87 migliorando di quasi 5 decimi il crono di gara1.
Un' altalena per tutta la gara tra il secondo e il terzo posto ha portato Hosciuc vicinissimo alla seconda piazza quando l'attacco deciso di Bianchi ha disorientato Hosciuc. La grande bagarre negli ultimi due settori ha catalizzato l'attenzione di spettatori e addetti ai lavori. Hosciuc chiude la gara in terza posizione a pochi centesimi da Bianchi.

Si chiude questo primo round portando in casa la terza posizione della classifica piloti e costruttori. 
Un risultato dedicato a tutte le persone che hanno creduto in questo nuovo progetto fortemente voluto da Roberto Marchetti. 

Ro.Ma.

CLASSIFICA ANALISI TEMPI CLASSIFICA  CAMPIONATO CLASSIFICA COSTRUTTORI
icona pdf icona pdf  icona pdf icona pdf

Podio al debutto

Gara al cardiopalma per Jacopo Hosciuc.

Con uno scatto felino allo start, Hosciuc entra alla curva 1 in seconda piazza. Chiude il primo settore in quarta piazza e mantiene questa posizione fino al sesto giro. Dalla settima tornata subisce la rimonta di Filippo Bianchi e di Manuel Margarito. Da quel momento parte l'innesco che lo porta prepotentemente a ridosso del podio.

Farioli cade al curva del Carro e fortunatamente Hosciuc lo evita recuperando terreno su Cangelosi. Ultimo giro da antologia. Subisce l'attacco di Bianchi e Margarito ma nel settore dove siglerà il best sector (settore3) si infila tra i due chiudendo la gara ad un soffio dal secondo classificato Davide Cangelosi.

Appuntamento per gara2 di domenica 31 marzo alle ore 16.15 con il servizio live-timing sempre dalla home page del sito www.academygp.it

Ro.Ma.

CLASSIFICA ANALISI TEMPI CLASSIFICA CLASSIFICA COSTRUTTORI
icona pdf icona pdf  icona pdf icona pdf

Seconda fila per Hosciuc

La qualifica decisiva per l'assegnazione della casella di partenza vede Jacopo Hosciuc in seconda fila. Il giovanissimo centauro rumeno ha tentato l'assalto alla prima fila ma non è riuscito nel suo intento.
L'orario mattutino ha inizialmente creato qualche problema di grip e in effetti Jacopo ne ha sofferto quasi per tutta la durata della prova.
 Il best lap personale lo raggiunge alla nona tornata con il crono di 1.50.36 di poco superiore a quello registrato in Q1.
"Non riuscivo a spingere, il retro treno scivolava e non potevo spingere più di così" questa la dichiarazione di Hosciuc.

Appuntamento per gara1 alle ore 15.30. Per gli appassionati internauti è disponibile il servizio live-timing direttamente dalla home page del sito www.academygp.it

Ro.Ma. 

CLASSIFICA CLA. RIEPILOGATIVA ANALISI TEMPI
icona pdf  icona pdf  icona pdf

Sottoscrivi questo feed RSS