Questo sito utilizza i cookie per offrire un servizio migliore ai propri utenti.

itenfrdejasv

Esordio a Valencia

  • Letto 147 volte
  • Print Friendly and PDF
In evidenza Esordio a Valencia
Vota questo articolo
(1 Vota)

Il fine settimana del 24 ottobre 2021 la squadra AcademyGP ha esordito in campo internazionale con il suo pilota Pier Francesco Venturini. Il circuito Ricardo Tormo di Valencia ha accolto il penultimo round del campionato spagnolo Esbk Premoto3. L’organizzazione snella e puntuale diretta dalla Rfme ha organizzato anche le prove libere del giovedì e venerdì dove Venturini nella Fp3 ha siglato il suo best lap personale in 1.46.67 distante soli 9 decimi dalla prestazione di Marco Garcia, dominatore del fine settimana valenziano.

La pioggia è stata la protagonista della Fp4 per cui la squadra ha rinunciato all’entrata in pista in quanto le previsioni meteo per i giorni seguenti erano di pista asciutta.

Si arriva al sabato mattina per l’unica prova ufficiale per aggiudicarsi un posto nella griglia di partenza delle due gare da disputarsi al pomeriggio e nella tarda mattinata della domenica. Il regolamento spagnolo prevede una variazione tecnica rispetto a quello italiano del Civ: la centralina di gestione motore unica per tutte le moto partecipanti alla classe premoto3 fornita dalla italiana Get-Athena equipaggia il motore Yamaha 250yzf con diversi parametri di configurazione. L’assistenza degli addetti Get non è stata in grado di risolvere alcuni problemi di connessione che hanno afflitto la squadra soprattutto in gara2.

Allo spegnersi del semaforo di gara1, Venturini scatta molto bene dalla 6a fila (penalizzato di 3 posizioni per un rallentamento non consentito  in qualifica) e alla prima tornata è già a ridosso della top 10. Per 13 delle 14 tornate della gara, il dodicenne romano accetta la sfida del francese Raingard. Una serie interminabile di sorpassi e controsorpassi accende una lotta avvincente per la P12. Intanto il gruppo della top11 prende il largo infliggendo un distacco di oltre venti secondi. Nel giro finale Venturini riconquista la posizione ai danni di Raingard ma arriva “lungo” alla staccata della curva10. Una rovinosa caduta ferma la cavalcata del romano fortunatamente senza conseguenze fisiche.

Un lungo lavoro ai box ha permesso a Venturini di ripresentarsi in pista per il warm up della domenica. Le buone sensazioni fanno sperare in un riscatto in gara2.

Nel giro di allineamento per lo start un contatto elettrico spegne il motore. Venturini viene fatto entrare nella pit lane dove trova i meccanici che lo assistono e trovano il modo di riaccendere il motore della sua Racetech. La corsa incomincia dalla pit lane e termina dopo metà gara per lo stesso problema tecnico.

La composta delusione di Venturini e di tutta la squadra è stata in qualche modo elaborata. Al di là dei problemi tecnici di gara2 e della caduta di gara1, le buone sensazioni registrate nelle prove libere saranno il punto di partenza per costruire il ritorno in pista da protagonisti.

Con questa esperienza arriva anche la consapevolezza di essersi misurati con il sistema spagnolo che sforna talenti come una volta succedeva in Italia. Una grande umiltà alla base del successo per piloti e tecnici.

L’inverno ormai alle porte sarà fioriero di nuovi progetti e nuove acquisizioni che vedrà protagonista la compagine romana.

Ufficio stampa AcademyGP

LIBERE Q1 Q2
icona pdf   icona pdf icona pdf